Cappella 1

La cappella è di giuspatronato Monti, l'architetto Gian Giacomo Monti riedificò la chiesa nel XVII secolo, realizzando pure l'architettura dell'altare di questa cappella di cui è patrono. La cancellata in ferro battuto decorato da anelli e foglie in ottone dorato che chiude la cappella è simile alle altre cancellate che simmetricamente chiudono le prime e le seconde cappelle di ciascuna navata; probabilmente sono coeve alla costruzione delle cappelle barocche ma tutte hanno necessitato di restauro in epoca post-bellica. Sull'altare, in marmi colorati, sta il dipinto giustamente famoso, considerato il capolavoro di Marcantonio Franceschini raffigurante Il transito di S. Giuseppe; questa semplice e commovente pagina di storia cristiana fu talmente ammirata che, prima di levare i ponti del- la volta, i notabili della città vollero salirvi per vedere da vicino quella meraviglia e il cardinale legato Benedetto Panfili, rivolto all'artista, esclamò: " Ma voi eravate in cielo quando l'avete dipinto!". Le cinque statue di putti che la decorano sono attribuite a Giuseppe Mazza. Nella parete destra un dipinto murale rappresenta figure allegoriche e figure di putti in monocromo avorio inserite in una cornice archi- tettonica; la decorazione è attribuita a Vittorio Bigari, ma dovette avvenire in un secondo mo- mento rispetto ai lavori di rifacimento cui partecipa Franceschini con i suoi aiutanti; pertanto è da collocarsi nella prima metà del XVIII secolo. In alto, nella volta emisferica, una decorazione oggi molto frammentata ma molto celebrata dalla letteratura di cui è ancora autore Franceschini, aiutato da Haffner per la quadratura: si tratta del paradiso, che attendeva S. Giuseppe per onorarlo. Di questo soggetto iconografico si è conservata salda la porzione destra mentre il resto è sbiancato e sbiadito dalla polvere per lo spostamento d' aria prodotto dal bombardamento del 1943.

 

 

 

Transito di S. Giuseppe di Marcantonio Franceschini 

 

 

 

 

Visita alla chiesa

Clicca sui pallini per visualizzarne il contenuto storico

La chiesa come si presentava prima delle distruzioni della guerra

Pianta della chiesa.