La Controfacciata

La controfacciata oggi è completamente nuda; non rimane nulla infatti della sontuosissima decorazione ad affresco con cui Marcantonio Franceschini aveva ornato tutta la chiesa. Il bombardamento del 1943 abbattè le volte della navata e i muri che la reggevano, devastò e distrusse buona parte della decorazione pittorica e plastica. Tra le opere perdute c'era "La visione di S. Caterina" a decorare la controfacciata. Oltre alle descrizioni forniteci dalla letteratura, che ne aveva registrato la presenza prima dei gravi danni, può aiutarci a ricostruire la decorazione originale la fotografia scattata prima dei bombardamenti, apposta al muro accanto alla porta centrale. In controfacciata, sulla porta di ingresso, in sostituzione degli affreschi perduti, oggi si può vedere una tela ovale raffigurante la Madonna Assunta, proveniente dalla distrutta chiesa delle suore carmelitane di S. Maria del Buon Pastore, un tempo sita in via Lame e devastata dai bombardamenti del 1943. I dipinti della chiesa profanata sono depositati ancora oggi al Corpus Domini.

 

 

 

 

In questa pagina parte della decorazione pittorica perduta a causa dei bombardamenti.

Visita alla chiesa

Clicca sui pallini per visualizzarne il contenuto storico

La chiesa come si presentava prima delle distruzioni della guerra

Pianta della chiesa.